Storie de Romascartafaccio.it


Privacy Policy

'A macchia

'A signora Clara der quarto piano sosteneva che 'a macchia sur muro der pianerottolo ciavésse a forma de 'n còre e che je l'avesse mannata er marito, morto quarche anno prima. Me fermava spesso pe fa du' chiacchiere quanno annavo a trovà Lucilla, 'a mi' regazza, ar quinto piano.
   «Come sete belli voi giovani 'nnamorati,» disse 'na vorta, «eh, pure io e 'r povero Mauro eravamo così, ce cercavamo sempre. Mo me manna 'sto core... e 'sto profumo de rose. Questo è lui, 'o senti er profumo de rose?»
Je dissi de sì, ma era profumo de sugo a'amatriciana che proveniva da'a cucina sua, e qu'a macchia sur muro tutto me sembrava tranne che 'n còre.

'Sta macchia divenne oggetto de 'na concitata riunione de condominio a'a quale Lucilla me costrinse a partecipà perché sennò, diceva, se sentiva sola.
   «Signori, come sapete se sò rotti i tubi e, se nun provvedemo, presto viene giù tutto l'intonaco, se fracica er muro e sò cazzi amari» disse l'amministratore de condominio. «Ho chiesto du' preventivi, dunque sete tutti d'accordo?»
   «D'accordo de ché?» intervenne 'a signora Clara, «quello è 'r core de mi marito! Nun m'o potete levà!»
   «A signò! Perché nun preghi tu marito de spostà 'a macchia dentro casa tua, eh?» disse 'na tizia che nun avevo mai visto, «così stracciamo pure i preventivi e 'sti sòrdi si 'nnamo a magnà!»
   «Quella è 'a solita cafona 'nsensibile», me sussurrò all'orecchio Lucilla. 'A vecchia professoressa Lombardi prese 'a parola: «La signora Clara ha ragione, quella macchia è una chiara manifestazione sovrannaturale. In certi giorni di sole, quando la luce filtra dal lucernario, intravedo distintamente i tratti somatici di una figura sacra che non cito per rispetto!» disse facennose er segno d'a croce, «quindi anch'io sono contraria all'intervento di riparazione!»
Se levò 'n borbottio de marcontento sur quale spiccò 'a considerazione der signore dell'attico: «Uè! Nun pazziàte, chill' int 'a macchi'è Maradona!»
'A riunione finì tardi co l'approvazione a maggioranza der preventivo più economico.

Pochi giorni dopo io Lucilla litigammo de brutto pe 'na battuta spiacevole che avevo fatto a cena a casa de amici. Lei me lasciò: scese 'mbronciata da'a machina e, nonostante er buio, s'avviò verso casa a piedi.

Du' settimane dopo, visto che nu risponneva ar telefono, scrissi 'na lunga lettera pe famme perdonà e progettai de consegnajela 'n modo plateale. Me feci aiutà da Anacleto, l'indiano der negozio etnico, je chiesi se me poteva presta Baby, 'a scimmia. Anacleto nun solo se presentò co Baby, ma convocò pure l'orchestrina dell'amico suo Miguel che ner cortile stava pronta a sonà a tutto volume. Piazzammo Baby co 'na rosa tra i denti e 'a lettera 'n mano davanti a'a porta. Bussai e me feci da parte.
   «Chi è?» domandò 'a voce de Lucilla, ovviamente nessuno je rispose. Lucilla aprì 'a porta e 'r piano piò 'na direzione 'mprevista. Baby 'nnervosita buttò tutto pell'aria, sartò 'n faccia a Lucilla co versi stridenti: «Yik, yik, yik!»
Lucilla lanciò 'n grido che raggelò er sangue: «Aiuto! Aiuto! 'Na scimmia me vole ammazzaaa! Aiutateme!»
Tempo che io e Anacleto liberavamo Lucilla da Baby, mezzo condominio s'era radunato su'a rampa de scale: «Che succede? Che succede?» domandavano 'n coro. Baby 'n braccio a Anacleto se carmò subito. Lui scosse er turbante 'n senso de disapprovazione: «Dicevo io questa brutta idea.»

Allungai 'na mano a Lucilla pe aiutalla a rimettese 'n piedi.
   «E tu che cazzo ce fai qua? Che è 'sta messa 'n scena?»
   «Me volevo fà perdonà, Lucì, ma sbajo sempre tutto» dissi passandoje 'a lettera stropicciata appena raccorta da tera. I condomini tutti zitti assistevano a'o spettacolo dell'amore mio che annava 'n frantumi. 'N sottofondo 'e note de Baciame mucho, che salivano dar cortile, rendevano ancora più straziante er momento 'n cui svojatamente Lucilla apriva 'a busta. Lesse. Sapevo che già 'a prima frase je se sarebbe aperto er core. Lesse ancora, me guardò, disse: «Ma questa è 'a bolletta der gas!»
Je strappai 'a lettera da'e mani. È vero, pe 'a fretta avevo scambiato 'a busta.
   «Come è possibile?» me domandò Lucilla.
   «Come è possibile che cosa?»
   «Ducentodieci euro de gas!»
   «Pò esse 'n problema de'a cardaja» se 'ntromise uno der condominio.
   «Sì è vero,» disse 'na signora, «fatte dà er numero de Augusto dar portiere. Quello è bravo co 'e cardaje. A me m'ha risòrto er problema.»
   «Ma chi sò 'sti rompicojoni che stanno a sonà ner cortile?» domandò 'a cafona 'nsensibile, «perché quarcuno nu je dice de falla finita?»

Lucilla me perdonò solo quarche giorno dopo: me telefonò e me pregò d'annalla a pià a casa. Dopo baci e abbracci je dissi: «Ho visto che 'a macchia sur muro der pianerottolo è sparita.»
   «Si, hanno riparato er tubo finarmente, mo è tornato tutto a posto.»
   «Pora signora Clara, scommetto che c'è rimasta male.»
   «Ah, tu nun 'o sai... 'A signora Clara cià lasciato.»
   «Nun me dì! Che brutta notizia. Deve esse morta de dolore poverella.»
   «Ma no! Nun è morta! È annata a vive da'a fija a Rocca de Papa! Ha fatto bene, 'sto condominio è 'n delirio, scimmie a parte, eh. Manco avemo levato 'a macchia e già dovemo caccià artri sòrdi pe cancellà 'a scritta nell'atrio.»
   «Quale scritta?»
   «Come hai fatto a nun vedella? Copre mezza parete: Vulimm' Maradona!»
   «Ah, ma sarà stato quello dell'attico!»
   «Lui dice che nun ne sa gnente, e che sicuro è stato 'o zio morto.»

Testo di Antonio Agrestini
Questo testo è contenuto in
Storie de Roma


Tutti i testi narrativi contenuti in scartafaccio.it sono frutto della fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono il prodotto dell'immaginazione dell'autore o, se reali, sono utilizzati in modo fittizio. Pertanto ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti o scomparse, cose o animali realmente esistenti o esistiti è da ritenersi puramente casuale.

Scartafaccio è un progetto di Antonio Agrestini
Contatti: info@scartafaccio.it


Tutti i diritti sono strettamente riservati © 1995 - 2018
Non sono ammesse riproduzioni dei testi senza esplicita autorizzazione dell'autore.

Privacy Policy