Storie de Romascartafaccio.it


Privacy Policy

Brutti

Giovanna nun m'era mai piaciuta e io nun ero mai piaciuto a lei. Ce sposammo er ventuno aprile der 1985 co 'na festa che durò fino a tarda notte finanziata da mi' socero, ricco 'mprenditore ner settore der cioccolato, e da mi' padre, agiato commerciante d'abbijiamento, titolare de vari negozi der Centro Italia, entrambi amici de vecchia data e membri de 'n club esclusivo.

Io e Giovanna eravamo pe 'e rispettive famije i classici fiji da sistemà: tutti e due ciavevàmo ormai quasi quarant'anni, i fratelli e 'e sorelle nostre erano già tutti sposati, eravamo destinati a rimané soli, così fu facile pe mi' socero e mi' padre combinà 'n matrimonio che avrebbe messo tutti d'accordo e che soprattutto l'avrebbe fatti dormì tranquilli, lontani dar rischio de dovecce tené a casa pe tutta 'a vita e de dové gestì 'e chiacchiere der vicinato.

Io e Giovanna ciavevàmo diverse cose 'n comune, ma 'n particolare 'a bruttezza. Io per esempio ciò du' denti sporgenti che me fanno er viso da conijo, sò stempiato, secco da sembrà malato, braccia più lunghe der normale, poi da giovane portavo pure i classici occhiali a fonno de bottija; Giovanna 'nvece cià l'occhi troppo distanti l'uno dall'artro, 'n sovrappeso congenito distribuito male, ma quello che in me e lei accentua difetti che in artre persone potrebbero pure sembrà marginali è 'a poca grazia di'i movimenti, 'na goffaggine che da sempre ce contraddistingue. Tutti e due poi, a differenza di'i fratelli e sorelle nostri, avevamo abbandonato presto 'a scola deludendo l'aspettative che ce volevano avvocati, medici o qualunque artra cosa da ostentà 'n pubblico. 'E famije nun ciavévano concesso manco l'opportunità de 'mparà 'n mestiere normale, quasi fosse 'na vergogna, così ciavévano preparato a 'n futuro da mantenuti e disoccupati: du' 'mbecilli 'nsomma. Ma 'a smania de facce sposà era tale che 'a disoccupazione nun fu 'n problema: ciavévano dato 'n appartamento de centottanta metri quadri a Montesacro e 'n fisso mensile pe coprì tutte e spese, ortre a vari sfizi. Pe nun facce sentì troppo a disagio o, come diceva mi padre, pe nun facce sentì magnapàne a tradimento, ce facevano fà cose nell'aziende de famija: Giovanna dava 'na mano pe 'a contabilità, pure se m'aveva confessato de nun capicce gnente co tutti qui'i numeri; io facevo giri de controllo ni'i negozi de mi' padre, 'n pratica me n'annavo a spasso perché nessuno m'aveva mai spiegato che cavolo dovevo controllà.

Consapevoli de esse sposati pe convenienza e senza amore, io e Giovanna vivevamo in un reciproco rispetto, come capita tra persone che condividono 'na comune sventura e che se rendono conto de quanto sia 'mportante aiutasse l'uno co l'artra. Nun litigavamo mai. Nun ce confidavamo cose troppo intime, ma lei era sempre gentile co me e io co lei. L'imbarazzo era tale che quanno facevamo l'amore Giovanna nun s'opponeva né mostrava piacere: me sembrava quasi de violentalla e ce soffrivo.
   «Se nun te va dimmelo, nun ce stanno problemi.»
   «Nun te preoccupà» diceva lei, «nun è poi così male.»

Arivarono presto Giulio e Mario, i nostri du' gemelli, che vista 'a tara genetica se spartivano 'na bruttezza a noi nota, ma che era poca cosa rispetto a'a gioia che ce portarono.

Mi' socero morì 'mprovvisamente d'infarto. I cognati mia ner giro de 'n anno riuscirono a mannà l'azienda 'n fallimento e se magnarono tutto. Fummo costretti a venne l'appartamento e a traslocà in uno più piccolo, 'n periferia. Nemmeno du' anni dopo 'e cose cominciarono a annà male pure pe mi' padre: riuscì a tené aperto solo er punto vendita de Roma, nun ce poteva dà più 'n sordo. Fummo costretti a venne pure l'appartamento più piccolo e anni in affitto.

   «Che guaio Giovà, nun sò bono a gnente, ho fatto er parassita pe tutta 'a vita, ecco er risurtato.»
   «Nun è corpa tua, nun devi avé sensi de corpa. Tu sei 'n brav'omo, sei uno 'n gamba.»
   «Davero pensi questo de me?»
   «Certo, perché te dovrei dì 'na bucia?»
Sorise e m'accarezzo e, pe 'a prima vorta, nun me sembrò più nemmeno brutta.
   «Sò tanto preoccupato p'i ragazzini» je dissi, «mo che me 'nvento?»
   «Famo come fanno tutti. Ce tiramo su 'e maniche e ce trovamo lavoro.»
   «No Giovà, a lavorà ce vado io, tu è bene che stai coi gemelli, armeno finché nun vanno 'a scola.»

Nun passò troppo tempo, trovai lavoro come magazziniere, ma me dovetti trasferì a Firenze e sarei dovuto restà là pe tre mesi. Alloggiavo dentro a 'na pensione economica co 'e stanze buie e senza televisore. Ogni sera annavo a dormì presto e me sorpresi de quanto sentivo 'a mancanza de Giovanna e di'i regazzini. Senza Giovanna, da quanno c'eravamo sposati, nun c'ero mai stato. Una de que'e sere je telefonai je dissi: «Sai, nun te l'ho mai detto, ma sò contento d'avette sposato.»
Lei se mise a ride e rispose: «A oh, ma che te credi che sò scema? Guarda che se volevo, me ne potevo pure annà. Mica me tiene nessuno! All'inizio sì, ciànno fatto sposà pe forza, ma poi, quanno ho capito che omo sei, io t'ho scerto.»

Testo di Antonio Agrestini
Questo testo è contenuto in
Storie de Roma


Tutti i testi narrativi contenuti in scartafaccio.it sono frutto della fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono il prodotto dell'immaginazione dell'autore o, se reali, sono utilizzati in modo fittizio. Pertanto ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti o scomparse, cose o animali realmente esistenti o esistiti è da ritenersi puramente casuale.

Scartafaccio è un progetto di Antonio Agrestini
Contatti: info@scartafaccio.it


Tutti i diritti sono strettamente riservati © 1995 - 2018
Non sono ammesse riproduzioni dei testi senza esplicita autorizzazione dell'autore.

Privacy Policy