Storie de Romascartafaccio.it


Privacy Policy

Merendina

Becco 'sta ragazza che ruba biscotti e marmellate da'o scaffale, nun s'accorge che sto quarche metro dietro a'e spalle sue a sistemà 'a merce, lei 'nfila roba dentro 'a borsa, sotto a'a giacca. M'avvicino, 'a sorprenno a'e spalle, je dico: «Signorì, poi se gentirmente passa 'n cassa je faccio 'o scontrino de tutta 'a roba che ha preso.»
Lei sobbarsa, se gira verso de me, cià 'n occhio nero come 'na melanzana e 'n viso stupendo. Sbam! Me 'nnamoro all'istante. Je se apre 'ntorno n'aureola de luce. È bella, co tutto l'occhio nero; è bella co tutta 'a tristezza che je pesa su'e labbra; è bella come er resto d'a vita che vojo vive 'nsieme a lei. 'A vorei chiamà pe nome, me pare 'nsensato chiedejelo, ma sento er bisogno de dà 'n nome a tutto 'sto movimento de viscere. Decido de chiamalla cor nome de'a prima cosa che vedo su 'o scaffale. Ma 'ndo sei stata tutto 'sto tempo, Merendina mia? 'O sapevo che prima o poi saresti arivata, che nun sarebbe stata 'na storia facile, ma nun me 'mporta, io sò pronto.
   «Sò pronto» sussurro passandome 'na mano tra i capelli. Merendina me guarda 'nterdetta, pure se è 'na ladra scorgo n'i gesti sua 'na dignità superiore a'a mia, e senza dì gnente tira fori i biscotti da'a borsa, li rimette su 'o scaffale, pure quelli nascosti sotto 'a giacca, ma nun me restitusce l'anima.

Mi' madre, 'a vipera der mini-market, deve avè visto er furto da 'a telecamera antitaccheggio, 'nfatti ariva tutta 'ncazzata e appena 'mbocca 'a corsia strilla: «'A signorì, posa tutto e vedi d'annattene, sennò chiamo 'e guardie!»
   «Ma', stai bona» je dico, «forse 'a signorina cià quarche problema.»
   «Eh sì, cià er problema che je prudono 'e mani! Hanno fatto bene a datte 'n cazzotto 'n faccia! 'Ndo artro sei annata a rubà, eh? T'o meriti tutto l'occhio nero!»
Merendina rivorge 'o sguardo artrove, come a cercà 'na via de fuga.
   «A ma', sta' bona dài, torna 'n cassa, ce parlo io co 'a signorina, su!»
Merendina scoppia a piagne e scappa.
   «Signorì, aspetta!»
Je coro dietro.
   «Ma 'ndo vai!» me urla dietro mi' madre, «lasciala annà via 'sta beccamorta!»
Merendina ha già attraversato 'a strada, nun core più ma procede a passo sverto. Attraverso pure io, pe poco nun finisco sotto 'a machina de uno che me bestemmia addosso a córpi de clacson, Merendina ripia a core, 'mbocca er portone spalancato de 'n vecchio palazzo. 'A raggiungo su 'e scale, lei se ferma e me guarda: «Signorì, me dispiace pe quello che è successo. Nun ce faccia caso a mi' madre... Senta, cià bisogno d'aiuto? Quarcuno je fa violenza?»
   «Nun me serve gnente, lasciame 'sta» dice senza degnamme de 'no sguardo. Merendina sona er campanello, 'a porta se apre, lei ce sparisce dentro 'nghiottita dar silenzio.

Torno ar negozio, mi' madre rompe i cojoni, ce stanno mille cose da fa, merce da tirà avanti su'i scaffali, clienti che me chiedono 'ndo sta 'a roba, ma nun penso artro che a Merendina: chi j'ha fatto l'occhio nero? Cià forse 'n marito violento? Chi 'a difende? Che sta a fà adesso?

Verso 'e sette de sera mi' madre dice: «Esco, vado a preparà 'a cena.»
   «Ce vedemo tra 'n po'» je dico. Esce l'urtimo cliente, abbasso 'a seranda a metà, faccio i conti de'a giornata, pio 'na busta de tela rinforzata, de quelle co 'a pubblicità der mini-market, ce metto dentro biscotti, succhi de frutta, pancarré e quarche blister de salame. Chiudo er negozio, corro verso er palazzo de Merendina, sargo 'e scale e lascio 'a busta davanti a'a porta sua, scappo via.
Notte 'nsonne.
Er giorno dopo faccio 'o stesso percorso, ritrovo 'a busta de stoffa vota sur pianerottolo, m'accorgo che dentro c'è 'n bijetto: «Grazie di cuore!» 'A sostituisco co 'na busta piena de viveri e scappo via de novo. 'Sta cosa va avanti pe diversi giorni. Ogni sera je porto 'na busta de spesa, così forse quanno Merendina fa colazione me pensa. Qu'i bijetti poi sò 'n segnale positivo, forse je piacio pure io, sicuro ce sposeremo, ciavrémo fiji, ciavrémo 'na vita bellissima, 'a sarverò da 'n matrimogno 'nfelice, da 'na vita che 'a costrigne a rubà.

Dopo 'n mese che va avanti 'sta storia, fatta de notti 'nsonni e ossessioni, decido de affrontà Merendina, poso a busta per tera e sono er campanello. 'A porta se apre, spunta 'na signora anziana co l'occhiali, me fa: «Ah, ma sei tu che porti 'sta roba!»
   «Sì, signò. Me scusi, vorei parlà co su' fija, sta 'n casa?»
   «Mi fija? Io nun ce l'ho mica 'na fija!»
   «Nun abita qua 'na ragazza mora? Quarche giorno fa ciavéva 'n occhio nero...»
   «Ah, quella! Ma per carità, quella me faceva 'e pulizie, poi ho scoperto che rubava e l'ho mannata via!»
   «No, nun pò esse! Merendina...» dico co 'e mani tra i capelli. «Nun ce posso crede, Merendina. O Merendina!»
   «Seee! Quali merendine? Magari! M'ha fregato l'anelli d'oro, mortacci sua!»
Resto immobile quarche secondo.    «Giovinò, va tutto bene?» me domanda proccupata 'a signora. Scenno 'e scale e me sento er corpo voto, come se nun ciavessi più l'organi 'nterni, ce manca poco che rotolo su'i gradini.
   «A giovinò, ma te devo dà quarcosa pe tutta 'sta spesa? Te volevo ringrazià de persona ortre che co i bijettini.»
   «Nun fa gnente signò, offre er mini-market. Offre er mini-market.»

Testo di Antonio Agrestini
Questo testo è contenuto in
Storie de Roma


Tutti i testi narrativi contenuti in scartafaccio.it sono frutto della fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono il prodotto dell'immaginazione dell'autore o, se reali, sono utilizzati in modo fittizio. Pertanto ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti o scomparse, cose o animali realmente esistenti o esistiti è da ritenersi puramente casuale.

Scartafaccio è un progetto di Antonio Agrestini
Contatti: info@scartafaccio.it


Tutti i diritti sono strettamente riservati © 1995 - 2018
Non sono ammesse riproduzioni dei testi senza esplicita autorizzazione dell'autore.

Privacy Policy