Storie de Romascartafaccio.it


Privacy Policy

'N passo de danza

A quarantatré anni mi' padre se iscrisse a danza. 'A prima cosa che je disse l'insegnante vedendolo entrà 'n sala fu: «Esca subito da qui o chiamo i Carabinieri!»
In effetti pareva 'n pazzo maniaco fuggito dar manicomio: 'e gambe secche dentro 'a 'na carzamaja nera attillata, 'na corona de pochi capelli dritti 'ntorno a 'na carvizie pronunciata, quer modo sgraziato de movese come anni de lavoro 'mpiegatizio 'mponevano, poi 'na panza prepotente che sfidava 'a forza de gravità. L'avevo accompagnato e m'ero messo da 'na parte, 'n mezzo a artri pochi spettatori, pe paura che quarcuno potesse capì che ero 'n parente.

   «Veramente sò venuto a lezione» rispose placido mi' padre. L'insegnante se mise a ride, poi diventò seria, 'nfine 'o portò da 'na parte, a riparo dar ludibrio dell'allievi più giovani che già sghignazzavano dietro a 'na mano, e je fece 'n discorso der tipo: guarda che sei vecchio pe fà danza, rischi stiramenti e distorzioni, poi come minimo te pijano tutti per culo. Mi padre rispose: «Me scusi, ma 'ste cose nun me 'nteressano. Ho consegnato 'n segreteria er certificato medico de sana e robusta costituzione, ho pagato 'a retta mensile, adesso gentirmente, signorì, me 'nsegni a ballà.»

E mentre mi' padre moveva i primi passi de danza, 'a vita mia diventava 'n inferno: ciavevo vent'anni, nun riuscivo a concetramme su 'o studio, Margherita m'aveva lasciato, nun sapevo se era er caso de abbandonà l'università e trovamme 'n 'mestiere. Vivevo 'na confusione devastante, nun riuscivo a capì che avrei dovuto fà de'a vita mia. L'idea che mentre precipitavo ner nulla mi padre nun faceva artro che ballà, me faceva stà ancora più male. Mi madre forse ciaveva n'artro: più de 'na vorta l'avevo vista scenne da 'na machina de 'n tizio e lei me raccontava che era tornata co l'autobus. Nun indagai mai ortre. 'A famija cadeva a pezzi. Perché mi padre nun faceva niente pe evitallo? Perché nun penzava a me? Perché preferiva 'n hobby così assurdo pe 'n omo dell'età sua? Perché era così egoista?

'N gruppetto de persone der quartiere se radunava pe assiste 'e lezioni de mi padre: come prevedibile 'o pijavano per culo, 'o chiamavano Panzy Elliot, je facevano foto e firmati che se spizzavano ar bar fino 'a sera tardi 'n mezzo a tante risate.

Mi madre 'o ricattò: «O smetti de fà 'sta pajacciata o chiedo er divorzio!»
Mi padre je disse che ndo ce stanno i ricatti nun c'è sta l'amore e che quindi preferiva er divorzio, così se dovette cercà pure 'n artro appartamento e, tra mantenimento e affitti, 'o stipendio je bastava giusto pe comprasse quarcosa da magnà. Forse pure pe questo 'n poco tempo buttò via 'a panza e conquistò 'na certa agilità. Arivò poi 'n giorno che me invitò ar saggio de danza. Me vergognavo de annacce, ma lui insistette. Me fece entrà dentro i camerini e prima de salì sur parcoscenico volle che lo accompagnassi dietro 'e quinte, e lì me domandò: «Dì 'a verità capocciò, tu te vergogni de me, vero?»
   «Ma no papà, che te viene 'n mente», ma 'o dissi senza guardallo nell'occhi. Nun je volevo rovinà quer giorno pe lui così 'mportante.
   «Me raccomanno, guardame quanno faccio l'arabesque», disse soridente, «quello me viene davero bene! Me fà i complimenti pure qu'a cornacchia dell'insegnante.»
   «Vabbè papà, contace», e ancora 'na vorta guardai artrove pe evità l'occhi sua. Allora lui me accarezzò, me prese er viso fra 'e mani e me disse: «Guarda Alessa' che a me de danzà nun me n'è mai fregato gnente. T'ho sempre trascurato pe stà dietro al lavoro, ai problemi, a cose che poi nun contavano gnente, e nun t'ho mai dato er bon esempio come 'nvece 'n padre dovrebbe fà, e prima che fosse troppo tardi te volevo dà 'a lezione più 'mportante. Te volevo fà capì che devi ragionà co 'a testa tua, che devi schivà 'e convenzioni sociali, che devi 'nseguì l'obiettivi tua senza fatte condizionà dar giudizio dell'artri. Devi esse libero, sempre. Fijo mio, io nun vojo danzà. Io te vojo solo 'nsegnà 'a rivoluzione.»

Quanno 'e luci sur parcoscenico s'abbassarono e cominciarono a ballà io me domandai che cazzo fosse 'sto arabesque, ma nun me persi 'n solo movimento de danza. Papà era diventato bravo, 'n poco tempo aveva conquistato grazia e leggerezza, pure dentro de me.

'N ragazzetto me se avvicinò e me sussurrò: «Oh, anvedi quello? Ma chi è quer vecchio matto?»
   «Chi, quello mezzo pelato? Quello è 'r più matto de tutti. È mi' padre.»

Testo di Antonio Agrestini
Questo testo è contenuto in
Storie de Roma


Tutti i testi narrativi contenuti in scartafaccio.it sono frutto della fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono il prodotto dell'immaginazione dell'autore o, se reali, sono utilizzati in modo fittizio. Pertanto ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti o scomparse, cose o animali realmente esistenti o esistiti è da ritenersi puramente casuale.

Scartafaccio è un progetto di Antonio Agrestini
Contatti: info@scartafaccio.it


Tutti i diritti sono strettamente riservati © 1995 - 2018
Non sono ammesse riproduzioni dei testi senza esplicita autorizzazione dell'autore.

Privacy Policy