Scartafaccio

narrazioni di Antonio Agrestini


Il coccodrillo mangiapiedi

Padri nostalgici, amanti delusi, barboni che riscoprono la vita, coppie in crisi, comari pettegole, disoccupati che ritrovano lavoro, pensionati annoiati, maghi falliti: sono solo alcuni dei personaggi che popolano e raccontano in prima persona storie malinconiche, divertenti, commoventi, demenziali, romantiche, ciniche, spesso ambientate nei quartieri di Roma e vivacizzate dall'uso del dialetto.

Alcune di queste brevi storie sono apparse per la prima volta nel gruppo Facebook Pressappochismo is the Way (laboratorio creativo della pagina Recensire con Pressappochismo) e su Scartafaccio.it (sito dell'autore) attirando l'attenzione di molti lettori.

La scrittura di Antonio Agrestini oscilla tra toni drammatici e comici, narra storie realistiche e altre volte surreali, sfrutta la ricchezza espressiva del dialetto romanesco e il disincanto tipico della cultura romana, si snoda sul confine sottile tra malinconia e buon umore.


Il grande Mixo di Radio Capital legge un estratto de Il coccodrillo mangiapiedi. Grazie Mixo!

Per ricevere tutti gli aggiornamenti seguimi su Telegram
https://t.me/antonioagrestini

scrivimi: info@scartafaccio.it